giovedì 2 giugno 2011

Cake con noci, feta e timo


E' noto, i cibi, i profumi, la musica, hanno il potere di evocare ricordi, sensazioni, stati d'animo.

Il profumo della pianta di timo, coltivata sul mio balconcino in estate, mi ricorda le vacanze, la meravigliosa Toscana, la pineta, l'aria salmastra di mare e...le domande assurde di una coppia in un ristorante tipico toscano.

Estate di qualche anno fa, vacanze sulla costa etrusca, cena al ristorante tipico a Cecina, scelto con molta cura ed attenzione.
All'aria condizionata della sala interna preferiamo mangiare nel giardino, avvolti dal profumo dei pini e delle piante aromatiche.
Mentre mio marito va a lavarsi le mani, sfoglio distrattamente il menù, mi guardo intorno e la mia attenzione viene attratta da una coppia di turisti che sta mettendo a dura, durissima, prova la pazienza e la calma del cameriere.
Entrambi, molto indecisi, consultano la lista, ponendo, al cameriere, una serie di domande impertinenti.
Al posto suo, avrei perso calma e pazienza da un bel po', ma lui con aria serafica continuava a rispondere con molto garbo.
Il marito, leggendo con aria sconsolata la lista, cosa pensava di trovarci chissà, si sofferma su una portata nella quale era presente il timo e, con molta sicurezza ed arroganza, chiede che genere di pesce sia il timo (?!?).
Io, inizio a ridere, il cameriere perde un po' della sua aria serafica, e con un tono severo dice, che il timo non è un pesce, ma un'erba aromatica.
Ah! è la laconica risposta.
L'affondo finale, però spetta alla moglie, che non paga della figuraccia del marito, dopo aver letto ancora una volta la lista, chiede se fanno le pizze.

Le pizze. In un ristorante tipico. Toscano.

Nel frattempo mio marito ritorna, lascio la coppia al loro destino, e mi concentro sul pesce timo che voglio ordinare, accompagnato da una bella pizza.

Inutile aggiungere, che da quella sera, ogni volta che utilizzo il timo e mio marito è nei paraggi, il tormentone è: "ma il timo è un pesce?".
Per fortuna il timo è un'erba aromatica, dall'aroma molto gradevole. Io lo utilizzo moltissimo, in tutte le stagioni, ma in estate, avendo la piantina sul balcone, arricchisce ed insaporisce tante mie ricette.

Come questo cake salato, preparato proprio con l'intenzione di abbinare noci, feta e timo.

Mi piaceva l'idea di riunire in un cake i prodotti caratteristici mediterranei. Alla feta, formaggio dalla pasta semidura, ho unito un caprino dalla consistenza più morbida.
Nel cake, si fondevano le note aromatiche del timo, l'effetto "crocchiarello" delle noci, tritate appositamente in maniera grossolana, la morbidezza del caprino e la consistenza della feta.

Un cake veramente molto, molto buono. Ho abbinato il tè. Diversi tipi di tè. Il motivo è semplice. Il cake, l'ho preparato in una bellissima e soleggiata domenica mattina di metà maggio.


In primo pomeriggio abbiamo fatto una passeggiata al parco, avvolti dall'intenso e meraviglioso profumo del gelsomino.
Appena tornata a casa, ho preparato il tè e d'istinto ho scelto quello verde al gelsomino. Ho abbinato una (diciamo due) fetta di cake e l'abbinamento col tè era semplicemente perfetto.
Le note del timo e della feta, si sposavano molto bene con quelle del gelsomino.

Per cena, invece, ho abbinato un pregiato tè nero cinese, lo Yunnan d'Or. Anche in questo caso le note del tè si accompagnavano molto bene a quelle del cake, ma ho gradito molto di più l'accostamento, forse inconsueto, col tè verde al gelsomino.

Con questo cake, partecipo alla raccolta di Il Giardino dei sapori e del colori.


E alla raccolta di Francesca, Facciamo merenda?














Cake con noci, feta e timo

200 g. di farina 00 Molino Rosignoli,
3 uova,
120 g, di formaggio caprino,
80 g. di feta,
80 g. di noci,
4 cucchiai di olio extravergine d'oliva,
1 dl di latte,
una bustina di lievito per dolci,
una decina di rametti di timo,
sale fino.

Tritate grossolanamente a coltello le noci, tagliate a dadini la feta e il caprino, lavate i rametti di timo, asciugateli e staccate delicatamente le foglioline. Setacciate la farina e il lievito, in una ciotola capiente, fate la fontana, al centro ponete le uova sbattute e un pizzico di sale, lavorate gli ingredienti con una frusta, fino ad ottenere un impasto liscio, senza grumi.
Aggiungete le noci, la feta, il caprino, le foglioline di timo, l'olio extravergine di oliva, il latte, amalgamate bene il tutto e ponete in uno stampo da plum cake, unto e rivestito di carta forno anch'essa unta.
Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti. Vale sempre la prova stecchino.


Ho abbinato sia il tè verde cinese al gelsomino che il nero cinese Yunnan d'Or.

34 commenti:

Claudia ha detto...

Ma deve essere ottimo!!!!! mi piace tanto sia la feta che il caprino.. salvo la ricetta!!!! baciotti buon 2 giugno! :-D

franci ha detto...

Buonissimo questo cake, poi abbinato al thè deve essere spettacolare!
Buon 2 giugno.

Federica ha detto...

Tesoro mi hai fatto troppo ridere con l'episodio di questi due turisti! Forse la mia cavia non è un caso così disperato come sembra, qualcosa di "peggio" a quanto pare si trova in giro :)) E anche la signora, chissà...forse pensava di aver fatto più strada e di trovarsi in un ristorante tipico napoletano :)) Ma veniamo al tuo cake...FA VO LO SO! Adoro la feta alla follia e anche l'aroma delicatissimo del timo. Tutto da provare, gustosissimo. Un abbraccio, buona giornata

P.S. non so se ti può interessare ma dai un'occhiata qui

Francesca ha detto...

Questi turisti... il tuo cake mi piace molto!
Un bacio : )

ornella ha detto...

Proprio non comprendo certi atteggiamenti, perché se io sono in vacanza non mi faccio e non faccio tante domande..assaggio più che posso!! Che ridere...mi sa che anche il cameriere se li ricorda ancora! Ti ringrazio tantissimo per la favolosa ricetta,la inserisco subito! Un abbraccio

Graal77 ha detto...

che meraviglia!!!!
non l'ho mai preparato ma provero'!!!!buona vita e buona cucina!!!!

Alda e Mariella ha detto...

A me, quando sono in vacanza, piace assaggiare le specialità del luogo e se voglio mangiare la pizza vado in una pizzeria al mio paese, ma non siamo tutti uguali.Il tuo cake è straordinario, da fare al più presto!
Un abbraccio e buon 2 giugno!

Lara ha detto...

Questa, cara Giovanna, non è solo una splendida ricetta, ma è anche una deliziosa poesia, con un tocco di humour :)
Sei favolosa!!!
Ciao,
Lara

sara favilla ha detto...

Cara Giovanna, il tuo racconto mi ha fatto tanto ridere! E pensa che io ho un bel timo che sguazza in giardino!!! Quasi quasi lo uso proprio per rifare il tuo cake, deve essere squisito! Grazie per la ricetta e per l'aneddoto!

Patrizia ha detto...

Anche io sul balcone ho una piantina di timo e quando ci passo vicino l'odore che emana mi fa impazzire neanche fosse una delle rose più pregiate!!! Davvero delizioso questo cake ricco di buoni sapori e profumi....Non avrei mai pensato di abbinarlo al thè ma mi fido perfettamente del tuo gusto!!! Un bacione!!!

Rosita Vargas ha detto...

Que rica torta salada me encantó,con buenos y ricos ingredientes,cariños y abrazos.

Max ha detto...

C'è da copiarlo sicuramente, Jlove feta!!! intanto chiudo gli occhi e ne pregusto profumi e sapori...non potevo perderlo...buon we, ciao.

le ricette di tina ha detto...

buonooo e bello il che non guasta mai..bravissima!!buon w.e.

Lady Boheme ha detto...

La "scenetta" dei due turisti è simpaticissima, grazie per averla condivisa! Complimenti per il tuo meraviglioso cake!!! Un abbraccio

Angela ha detto...

Inserisco la ricetta tra i preferiti, sono sempre alla ricerca di questi cake che prima non facevo mai :)
Anche a me le piante rievocano dei dolcissimi ricordi, però il timo mi manca :\
Ma cooooome non conosci il pesce Timo ????? ahahhahaha miticiiiii
eheheheheh la pizza... molti turisiti pensano che italia significhi pizza gliel'hai spiegato che non erano a Napoli ;)))) Un dolce bacio e buona giornata :*

Giovanna ha detto...

Claudia, grazie!!!

Franci, grazie!

Federica, grazie! Credimi, io facevo fatica a non ridere in maniera troppo sfacciata. Grazie per la segnalazione, sono andata da Ornella.

Francesca, grazie!

Ornella, grazie! I due tipi erano veramente terribili!

Graal, grazie!!

Alda e Mariella, grazie! Sono d'accordo, anch'io in vacanza mangio cibo del posto, anche questa è cultura.

Lara, grazie! Sei sempre molto gentile con me.

Sara Favilla, grazie! Sguazza è bellissimo! Ma è un timo d'acqua dolce o di mare?

Patrizia, grazie! Le piante aromatiche sul balcone regalano proprio buonumore.

Rosita, grazie!!

Max, grazie! La feta è veramente buonissima.

Tina, grazie! Sei gentilissima!

Lady, grazie! Facevo fatica a non ridere troppo!!!!

Angela, grazie! Devo rimediare e conoscere 'sto pesce. Forse lo preparo grigliato!!!

Baci e buon fine settimana

Giovanna

Marjlou ha detto...

ma che meraviglia,complimenti! un abbraccio e buon weekend!

speedy70 ha detto...

Quanto mi piace la feta, vado a vedere questo contest, baci Giovanna!!!!

Tinny ha detto...

Fantastico! Pensa che sono i turisti tipo che d'estate vengono a rompere i cgl da me in farmacia...tutti i giorni! Ottima ricetta, davvero brava. Un saluto.

carpe diem ha detto...

di cucina quella coppia sapeva ben poco,come si fa a chiedere se il timo è un pesce?!ma dai....complimenti comunque per il tuo cake delizioso e aromatizzato dal timo che ha un odore piacevolissimo!

Fr@ ha detto...

Beh il timo è un pesce molto profumato...
Anch'io adoro il timo, soprattutto quello selvatico perchè mi ricorda delle bellissime passeggiate in montagna.
Mi piace molto il tuo cake, lo proverò.

Grazie e buon fine settimana a te.

viola ha detto...

da appassionata di feta quale sono non posso che apprezzare questo favoloso cake. L'unico appunto che mi sento di farti è l'aggiunta del timo: io che non sono una grande appassionata, l'avrei senz'altro preferito senza pesce ;)
Ahahahah.....non parlarmi di tutisti và....
Delizioso Giovannina, brava!
Un bacione

Gabe ha detto...

mi hai fatto venire in mente una scenetta analoga in un ristorante di Lipari.Ad una comitiva di turisti che chiedevano quali tipi di pasta c'erano,il cameriere aggiunse"posso portare una pirofila?" al che uno dei commensali aggiunse"sì,ma senza formaggio"al che siamo scoppiati a ridere e ci siamo beccati un'occhiataccia.Il tuo cake è da provare,mi piace molto il timo,ma non sono riuscita a farlo attecchire in vaso.grazie

Giovanna ha detto...

Marjlou, grazie!

Speedy,grazie!

Tinny, grazie! Pure in farmacia si distinguono? Pazzesco!!!!

Carpe Diem, grazie! Che dire? Beata ignoranza!

Fra, grazie! Il timo selvatico dev'essere buonissimo!

Violetta, grazie! Ma il pesce timo si sentiva appena...Si, sono terribili!

Gabe, grazie! Divertentissima la storia della pirofila!

Baci e buon fine settimana

Giovanna

Dana ha detto...

Se ne sentono di tutti i colori! :)
Adoro la feta e le noci. Messe insieme per me devono essere una favola. Copio spudoratamente!
Ti abbraccio!

Glu.fri cosas varias sin gluten ha detto...

Il famoso timo pesce !!

Simo ha detto...

Come ben sai adoro i cake salati...e questo è da urlo!
Arrivo con un bel culatello fresco fresco di taglio....ci stai?!
Un abbraccio e buon fine settimana cara...che fai di bello?

Tinny ha detto...

Tu non ne hai idea. Quando hai voglia e tempo, vatti a leggere i miei aneddoti (nanetti)...quello che scrivo è assolutamente vero! Un abbraccio.

LAURA ha detto...

Anch'io ho il pesce timo che sguazza nel vaso in terrazza!!!
Molto meglio il tuo meraviglioso cake con tutti quegli sfiziosi ingredienti!!!
Buon we

Natalia ha detto...

Che bella ricetta, ottima idea per usare il "pesce timo".
Bacioni.

Gio ha detto...

che aspetto goloso questo cake!
io adoro il timo ne ho due piante sul balcone di casa! :)

nonna papera ha detto...

chissa' che buono...mi diresti solo una cosa x cortesia?
viene molto salato con la feta?
grazie.

Giovanna ha detto...

Dana, grazie!

Glu, grazie!

Simo, grazie! Il culatello? Si, si, si!!!

Tinny, ci sono andata.

Laura, grazie! Sguazza è bellissimo!

Natalia, grazie! E' il pesce timo che conferisce il tocco in più!

Gio, grazie!

Nonna papera, no, non è salato per niente!

Baci Giovanna

Terry ha detto...

Una coppia che di cucina se ne intende! :) ...credo che quando hai a che fare con il pubblico se ne sentono di ogni genere... io mi includo nella lista... al lavoro avevamo fatto lo stupidario...pensa te!
cmq un cake favoloso...aromi e sapori che adoro....timo soprattutto! ;)