domenica 8 giugno 2008

Panna cotta ai frutti di bosco



In questo periodo è facile trovare al mercato i frutti di bosco; belli alla vista, ottimi al palato sono una miniera di sali minerali, ricchi di vitamina C, potassio, calcio, magnesio, utili a riequilibrare, in estate, le perdite dovute al sudore; le more e i lamponi, inoltre sono ricche di antocianine sostanze ottime contro la fragilità capillare.



Da maggio a settembre, facendo attenzione ad acquistare prodotti locali, li consumo costantemente mangiati da soli o conditi con un pò di zuccchero di canna; a volte però mi piace abbinarli a qualche dolcetto, oggi li ho abbinati ad una semplice panna cotta e ad una salsa di fragole.



Panna cotta ai frutti di bosco


  • 400 g. di panna fresca,
  • 125 g. di latte,
  • 160 g. di zucchero,
  • 6 g. di colla di pesce,
  • 200 g. di fragole,
  • 60 g. di lamponi,
  • 60 g. di more,
  • 1/2 limone,
  • 1/2 cucchiaio di zucchero di canna,
  • qualche foglia di menta per la decorazione.
In una casseruola versate la panna, il latte e 100 g. di zucchero, amalgamate bene e fatelo scaldare a fiamma bassissima, per circa 15 minuti, avendo cura di mescolare il composto di tanto in tanto e di non farlo mai bollire. Trascorso questo tempo, togliete la casseruola dal fuoco e unitevi la colla di pesce, dopo averla fatta ammollare in acqua fredda per circa 10 minuti.
Mescolate bene, versate il composto negli appositi stampi, e poneteli in frigorifero per almeno una decina di ore.
Lavate velocemente le fragole, frullatele, ponetele in una casseruola, aggiungete 60 g. di zucchero, il succo di limone e a fiamma bassissima, mescolando continuamente con una frusta, fate addensare.
Lavate e asciugate bene le more e i lamponi, tenete da parte qualche frutto per la decorazione, e condite il resto con lo zucchero di canna.
Servite la panna cotta nappandola con qualche cucchiaiata di salsa di fragole, la macedonia di more e lamponi e decorate con qualche foglia di menta.




Questo dolce l'abbiamo mangiato al brunch di Grazia, blogger di cuocapercaso.

Nessun commento: